Contratto di locazione di imbarcazioni: un esempio commentato

Quando affittiamo una barca a vela senza equipaggio utilizziamo comunemente il verbo “noleggiare” mentre, in effetti, il rapporto tra armatore e cliente è regolato da un  contratto di locazione. Può succedere di sottoscriverlo anche quando affittiamo “con skipper” e non solo in bareboat.

Note sulla scrittura del post

Il testo del contratto verrà inserito in corsivo, mentre…

…i nostri commenti verranno inseriti prima del testo a cui si riferiscono e in questo stile.

Disclaimer

Non abbiamo la pretesa di regalare “verità assolute” quindi, se sei una persona più qualificata di noi e vuoi puntualizzare delle inesattezze, saremo felici di ascoltarti e di recepire nel testo i tuoi consigli. Il presente post, inoltre, non costituisce in nessun motivo un invito all’utilizzo di questo facs-simile: chi utilizza i testi che seguono per la propria attività lo fa a suo rischio e pericolo e se ne assume la completa responsabilità.

Leggiamo insieme un contratto di locazione

Da qui in poi alterneremo testo del contratto e commenti.

CONTRATTO DI LOCAZIONE

PREMESSE

Nelle premesse vengono identificati chiaramente le parti di un contratto di locazione: l’armatore o la società di gestione hanno la parte del locatore mentre il cliente è il locatario. Vengono inoltre definiti l’oggetto della locazione, il periodo, alcuni limiti (tipicamente, la zona di navigazione), il prezzo e le modalità di pagamento. Nel caso un po’ improprio in cui si utilizzi la locazione anche in presenza di uno skipper diverso dal locatario, vengono regolati ulteriormente i rapporti tra locatore e locatario.

Le premesse fanno parte integrante del presente contratto.

La società XYZ, di seguito indicata più semplicemente come “la società” o “il locatore”, è proprietaria (o in alternativa: ha in gestione in uso esclusivo) l’imbarcazione (o in alternativa: il natante) a vela modello (MODELLO), iscrizione numero (NUMERO) presso la Capitaneria di Porto di (CITTA’), di seguito indicata più semplicemente come “la barca” o “l’imbarcazione”.

Il sig. (Nome Cognome)

  • Nato a… il…
  • Residente ecc…

di seguito indicato più semplicemente come “il locatario”, esprime la volontà di locare la barca specificata dal locatore, nei tempi e nei modi specificati più avanti.

Tutto ciò premesso, la società, in qualità di locatore, conferma al locatario la prenotazione per la locazione della barca secondo quanto segue.

Il locatario indica come skipper il sig. (Nome Cognome)

  • Nato a… il…
  • Residente ecc…
  • Patente nautica n° (numero), rilasciata il (data), dalla Capitaneria di Porto di (città); tale patente è del tipo (es: vela e motore senza limiti dalla costa)
  • Certificato RTF n° (numero), rilasciata il (data), da (ente).

Le parti concordano che il periodo di noleggio viene fissato nel modo seguente:

  • Check-In e imbarco
  • Rientro
  • Check-Out e sbarco

Le parti concordano altresì che la zona di navigazione consentita comprende (zone di navigazione consentite).

L’importo della locazione è pari a Euro 0.000,00.

Il pagamento deve essere effettuato tramite bonifico bancario presso (banca), conto corrente (IBAN) intestato al locatore.

CONDIZIONI GENERALI DEL CONTRATTO

La società dà in locazione al locatario l’imbarcazione indicata nelle premesse alle presenti “condizioni generali” per farne parte integrante e sostanziale alle seguenti condizioni.

1) Modalità di pagamento

Il 50% dell’importo alla firma del presente contratto e il rimanente 50% almeno 30 giorni prima della data d’imbarco.

Gli extra e servizi supplementari convenuti vanno regolati direttamente sul posto prima della partenza. L’inosservanza di queste condizioni autorizza l’annullamento della prenotazione anche se già confermata.

Come già visto in altri contratti, la prenotazione è confermata solo al pagamento dell’acconto, contestuale alla firma del contratto.

2) Lista passeggeri

Insieme al contratto il locatario invierà la lista dei passeggeri: non è permesso imbarcare persone diverse da quelle inserite nella lista. È possibile prima dell’imbarco apportare delle variazioni purché siano trasmesse alla società.

Tutto chiaro? Il locatario deve comunicare sempre al locatore chi porta in barca e questa comunicazione avviene sotto la sua responsabilità.

3) Comando dell’unità

Qui entriamo un po’ più nel vivo del contratto. In un contratto di locazione, locatario e skipper coincidono. La possibilità che il locatore fornisca al locatario sia la barca che lo skipper è una possibilità, non la norma. Questo si nota un po’ più avanti quando il testo specifica cosa succede “nel caso di skipper reperito dall’armatore…”.

Lo skipper è il comandante dell’imbarcazione, responsabile di essa e dell’equipaggio per tutto ciò che riguarda la navigazione, la sua conduzione, le manovre di ormeggio, e tutto ciò che concerne i doveri di un buono ed esperto comandante.

Il contratto deve essere sottoscritto dallo skipper; nel caso in cui questi non coincida con la persona del locatario, egli dovrà sottoscrivere il presente contratto insieme al locatario espressamente in qualità di skipper.

L’armatore ha il diritto di chiedere la patente nautica dello skipper: se questo ne è sprovvisto, o se essa è insufficiente, o se le sue conoscenze e capacità, a giudizio insindacabile dell’armatore, non sono ritenute sufficienti per il tipo d’imbarcazione e per la sicurezza delle persone a bordo, l’armatore, qualora il locatario non reperisca altro skipper idoneo, potrà rifiutare la consegna della barca, trattenendo il 100% della tariffa ed il contratto dovrà intendersi risolto di diritto.

Nel caso di skipper reperito dall’armatore su richiesta del locatario, si dichiara espressamente che questi fornisce solo il contatto tra il locatario e lo skipper, e che l’armatore è pertanto integralmente estraneo al rapporto di prestazione d’opera che intercorre tra questi ultimi.

Eccoci. Vuoi lo skipper? Benissimo, il locatore ti offre il contatto ma rimane estraneo ai vostri rapporti.

Secondo gli usi e costumi, il vitto dello skipper è a carico del locatario.

Nel caso citato in cui il locatario non coincida con lo skipper, quest’ultimo risponderà direttamente nei confronti dell’armatore degli eventuali danni o avarie relativi alle sue specifiche mansioni specificate all’inizio di quest’articolo, rimanendo a carico del locatario le rimanenti responsabilità.

Anche se il locatore non ne vuole sapere dei rapporti tra locatario e skipper, sa perfettamente che sarà a bordo e che si occuperà della conduzione. Le responsabilità vengono dunque ripartite per tipologia: allo skipper quelle relative alle sue mansioni, al locatario tutte le altre.

4) Durata

Si conteggiano le notti trascorse a bordo.

Un’altra prassi di mercato. In effetti una locazione di sette giorni significa sette notti e sei giorni. È anche logico: le operazioni di check-out del gruppo uscente, pulizia della barca e check-in del gruppo entrante vanno fatte di giorno, tipicamente il sabato.

5) Posto Barca

Il posto barca presso (luogo) è compreso nel prezzo.

6) Cauzione

Il locatario verserà all’armatore, al momento dell’imbarco, la cauzione prevista in questa lettera che verrà restituita alla riconsegna dell’imbarcazione qualora non dovesse essere necessaria a titolo di risarcimento a norma delle clausole contrattuali. Il versamento dell’importo della cauzione è stabilito nel contratto e sarà dovuto al termine del check-in con (MEZZO DI PAGAMENTO, in genere assegno intestato al locatore o carta di credito). Il deposito cauzionale sarà restituito alla fine della crociera dopo la verifica dello stato della barca, senza interessi. Nel caso in cui il danno non possa essere quantificato sul momento per la sua particolarità, la cauzione sarà trattenuta sino alla sua esatta determinazione e restituita dopo la decurtazione del danno. Se per svariati motivi, dovuti al locatario, alla fine della crociera non si è potuto procedere alla verifica dello stato dell’imbarcazione, la cauzione sarà trattenuta sino alla verifica stessa.

Resta inteso che – a seguito della verifica dello stato della barca – la cauzione sarà trattenuta per un importo pari ai danni materiali causati dal locatario all’imbarcazione.

L’importo della cauzione, nella prassi, è determinato dalla franchigia dell’assicurazione stipulata per la perdita dell’imbarcazione. Si aggira sui 1.500 euro per una barca di 10 metri e cresce con le dimensioni dell’imbarcazione. Viene consegnata al locatore ad inizio locazione e restituita alla fine, trattenendo degli importi in caso di danni nei modi appena descritti.

La limitazione della responsabilità economica del locatario al solo importo della cauzione riguarda esclusivamente i danni materiali causati all’imbarcazione, mentre per gli altri e diversi danni – quali, ad esempio, il lucro cessante per il cosiddetto “fermo barca” – l’armatore ha il pieno diritto di richiedere al locatario, che ne risponderà con tutto il suo patrimonio, il risarcimento dell’importo integrale dei danni subiti.

È bene ribadire un concetto fondamentale. Il locatario va in vacanza, giustamente, dopo un anno di duro lavoro; il locatore sta gestendo un’attività economica, rischiando capitali e il suo lavoro. Se prendete alla leggera le vostre capacità di skipper, sopravvalutandole, oltre ovviamente a mettere in una situazione di potenziale pericolo i vostri amici e parenti, fate correre un rischio economico non dovuto al locatore. Se, per esempio, distruggete una barca a maggio, il locatore non potrà darla in locazione a chi ha presumibilmente già prenotato (e pagato) le settimane successive. Significa vacanze a rischio per i vostri colleghi velisti e un anno di lavoro completamente perso per il locatore. Ho detto “vacanze a rischio” e non “vacanze finite” perché il locatore si impegna a cercare un’imbarcazione in sostituzione; ove non sia possibile, ai clienti verrà restituito il solo importo della locazione.

7) Assicurazione

La barca viene consegnata assicurata:

  1. con una polizza Kasko, per il Mediterraneo, fino alla perdita totale; detta polizza ha una franchigia che è coperta dalla cauzione del locatario;
  2. con una polizza di responsabilità civile verso terzi, obbligatoria ai sensi delle leggi in vigore, per i danni involontariamente cagionati a terzi dalla navigazione o dalla giacenza in acqua dell’imbarcazione.

Tale assicurazione non copre la perdita o il danneggiamento delle cose del locatario e dei trasportati. Sono in ogni caso a carico del locatario i danni di qualsiasi tipo non indennizzabili dall’assicuratore per fatto o colpa del locatario nonché la franchigia.

8) Danni, Avarie, Incidenti, Riparazioni

A parte leggere tutti i dettagli che seguono, c’è un aspetto da sottolineare subito: se succede qualcosa, contattate tempestivamente il locatore. Mi è successo un paio di volte, da cliente, di contattare l’armatore: la prima per un’avaria al pilota automatico, la seconda per il motore. In entrambi i casi abbiamo risolto velocemente ma può capitare che i problemi siano più grossi di quelli che mi è capitato di affrontare e che sia necessario interrompere la vacanza e mettersi d’accordo con il locatore per interventi più importanti.

In caso di danno, avaria o incidente, il locatario deve avvisare immediatamente l’armatore; egli potrà proseguire la navigazione solo se ciò non comporterà aggravamento del danno né pericoli per le persone e l’imbarcazione. Non potrà compiere alcuna riparazione se non previa autorizzazione dell’armatore. Le spese necessarie per le riparazioni sono a carico del locatario e gli verranno rimborsate solo se la causa delle stesse non sia a lui imputabile, secondo quanto previsto nel presente contratto. A tutela dei propri diritti l’armatore potrà trattenere la cauzione, sino al completo accertamento della predetta responsabilità, senza perciò essere tenuto a corrispondere alcunché a titolo di interessi, danni o quant’altro.

Qualora la barca, senza responsabilità del locatario, subisca avarie esclusivamente al motore, trasmissione, invertitore, manovre fisse e correnti, vele, batterie, alternatore che ne pregiudichi la piena utilizzazione per più di 12 ore, esclusa la prima notte dopo l’avaria, l’armatore sarà soltanto tenuto a consentire al locatario di recuperare le ore non godute, restando con ciò esclusa qualunque altra forma di risarcimento e/o rimborso. Tale recupero avverrà, a discrezione dell’armatore, alla fine del periodo di conduzione, o attraverso la costituzione di una nota di credito per locazioni successive. E’ espressamente escluso il rimborso pecuniario.

Nessun intervento di riparazione o assistenza potrà essere preteso dal locatario al di fuori della fascia oraria che va dalle 09.00 alle 20.00. Rimane inteso che le spese per gli interventi di riparazione e assistenza non addebitabili a responsabilità dell’armatore, secondo quanto previsto nel seguente contratto, dovranno essere pagate dal locatario alle normali tariffe orarie vigenti sul mercato più i materiali.

Si ribadisce che non danno diritto alla garanzia di cui sopra – ovvero al recupero delle ore di locazione non godute, ferma restando l’esclusione di ogni diritto del locatario al risarcimento e/o rimborso, le avarie a: ecoscandaglio, log, frigorifero, autoclave, tender, fuoribordo, argano dell’ancora sia elettrico che manuale, stereo e qualsiasi altra attrezzatura o dotazione non compresa nel secondo capoverso del presente articolo .

Le eventuali richieste di rimborso per le ipotesi ammesse dovranno essere effettuate dal locatario direttamente all’armatore al momento della restituzione dell’imbarcazione e comunque entro lo stesso giorno. L’inutile decorrenza di questo termine o l’eventuale denuncia a persona diversa dall’armatore comporterà per il locatario la decadenza dall’azione di rimborso.

9) Check-in/out.

Al momento della consegna dell’imbarcazione il locatario è tenuto a verificare attentamente l’attrezzatura e le condizioni dello scafo. L’operazione viene fatta con un rappresentante dell’armatore sul posto che compila in duplice copia una scheda (check-in). La scheda viene sottoscritta da entrambi e confrontata con le condizioni dell’attrezzatura e dello scafo a fine crociera (check-out). L’unità verrà consegnata con il pieno di combustibile e dovrà essere riconsegnata con il pieno di combustibile. Eventuali mancanze e/o rotture, riscontrate al momento della riconsegna, dovranno essere reintegrate a cura del locatario. Il locatario è invitato entro un‘ora dall’uscita dal porto a denunciare a mezzo telefono cellulare alla società Armatrice eventuali mancanze e/o rotture non riscontrate durante il check-in (compresa la verifica con immersione dello scafo).

Questo non è un punto banale e spesso si guarda alle operazioni di check-in e check-out solo dal punto di vista economico: caro cliente, ti avevo dato un tot di attrezzatura, me ne hai persa un po’, adesso la ripaghi. Non è così che bisogna impostare quest’attività o, per lo meno, non solo così. L’aspetto principale del check-in è la verifica della presenza a bordo di tutto quanto è necessario (e obbligatorio) per la conduzione in sicurezza della barca.

10) Consegna

L’armatore s’impegna a consegnare l’imbarcazione nell’ora, nel giorno e nel porto stabilito come da contratto, completamente armata e corredata in maniera adeguata e alle sue dimensioni, tipo e alloggi ed equipaggiata con quanto necessario, affidabile, pulita e pronta all’uso.

Questo punto, così come i due successivi, regolano un aspetto spiacevole per il cliente, ossia quello di ritardare l’inizio della propria vacanza. Meglio essere consapevoli del fatto che una barca non è una stanza d’albergo e che spesso la mancata o ritardata consegna è causata da un’avaria occorsa nella locazione precedente o comunque alla riconsegna ritardata del precedente locatario (vedi punti 19 e 20 seguenti).

11) Consegna ritardata

Qualora l’armatore non potesse consegnare l’imbarcazione alla data prestabilita sarà in facoltà del locatario di pretendere il recupero delle ore non godute restando comunque esclusa ogni altra forma di risarcimento e/o rimborso. Tale recupero avverrà, a discrezione dell’armatore, alla fine del periodo di conduzione, o attraverso la costituzione di una nota di credito per locazioni successive. E’ espressamente escluso il rimborso pecuniario.

Nel caso che una delle condizioni del presente contratto rendano l’imbarcazione non adatta alla consegna, l’armatore potrà supplire con un’altra imbarcazione avente le stesse caratteristiche. L’armatore potrà supplire con un’altra imbarcazione avente le stesse caratteristiche o superiore, senza preavviso al locatario, nel caso di danno grave all’imbarcazione che pregiudichi il suo utilizzo o l’incolumità delle persone.

12) Mancata consegna

Qualora il ritardo si protraesse oltre le 48 ore sarà in facoltà del locatario di rinunciare alla crociera e pretendere l’intera restituzione del nolo senza diritto ad ulteriori risarcimenti oppure pretendere la corrispondente rata di nolo non goduto.

13) Rinuncia

Nel caso di rinuncia alla crociera, sono previste le seguenti penalità:

  • fino al 30° giorno prima della partenza, il 50% del costo totale del nolo;
  • superato il 30° giorno prima della partenza: il 100% dell’importo del nolo.

14) Maltempo

L’armatore non assume alcuna responsabilità per ritardi nella partenza o interruzioni nella crociera dovuti ad avversità meteorologiche o a contrarie disposizioni dell’Autorità Marittima; in tali casi il contratto decorrerà ugualmente anche se l’imbarcazione per più giorni non sarà in grado di riprendere il mare.

A volte capita che non si possa uscire dal porto per le condizioni meteo. Si sa che il mare ha l’ultima parola, non possiamo farci niente, sono i rischi di una vacanza in barca a vela.

15) Manutenzione e costi di esercizio

Il locatario s’impegna a curare l’imbarcazione, a tenere in ordine gli accessori e gli interni della stessa a riconsegnarla pulita e in ottime condizioni. Sono altresì a carico del locatario tutte le spese relative all’uso ed ai consumi dell’unità per il periodo di crociera ed in particolare i costi di vettovagliamento dell’equipaggio, carburanti, olio di lubrificazione, acqua, elettricità, spese per i diritti portuali, doganali, di ancoraggio e ormeggio anche in porti privati, nonché le spese conseguenti l’utilizzo delle apparecchiature radio telefoniche di bordo e quelle derivanti da eventuali sanzioni pecuniarie e amministrative.

Nel periodo di locazione, il locatario è responsabile di tutte le spese. È un po’ come quando si affitta una casa per un periodo di vacanze e i costi delle utenze sono addebitati alla fine, non essendo inclusi nell’affitto.

16) Comunicazioni

Il locatario dovrà costantemente informare l’armatore a mezzo telefono o altro mezzo concordato preventivamente, circa lo stato e la posizione dell’imbarcazione. In caso d’incidente, danno o avaria il locatario dovrà dare immediata comunicazione all’armatore; eventuali riparazioni dovranno essere concordate preventivamente e autorizzate dall’armatore per iscritto.

17) Limiti di navigazione

Il locatario dovrà limitare la navigazione dell’imbarcazione nelle acque territoriali previste nel contratto.

18) Modi dell’utilizzazione dell’unità in locazione

Il locatario e/o il Comandante sono tenuti a usare l’imbarcazione esclusivamente per “diporto”, secondo le sue caratteristiche tecniche, con la normale diligenza.

Inoltre il locatario dovrà attenersi alle regole seguenti:

  1. non potrà sub-locare l’imbarcazione;
  2. non potrà trasportare passeggeri e merci, né effettuare alcun tipo di commercio;
  3. dovrà rispettare il numero massimo delle persone per le quali l’imbarcazione è omologata;
  4. non potrà partecipare a regate e a competizioni nautiche di qualunque genere;
  5. non potrà tenere a bordo alcun genere di animale;
  6. non chiederà di essere rimorchiato né rimorchierà altra unità se non in caso di assoluta emergenza;
  7. dovrà rispettare le leggi italiane o della nazione ospitante, le normative riguardanti le dichiarazioni di dogana, le disposizioni e i regolamenti delle autorità portuali, doganali, sanitarie e norme di pesca anche subacquea;
  8. dovrà ormeggiare l’imbarcazione davanti alla costa in posizione sicura e di non lasciarla mai senza il controllo di una persona;
  9. non potrà uscire da un porto o lasciare un ancoraggio sicuro quando le Autorità competenti vietino la navigazione, o, in generale, quando le condizioni meteo-marine superano o si prevede che superino forza 5 e/o lo stato dell’imbarcazione e del suo equipaggio siano tali da compromettere la sicurezza dell’imbarcazione stessa e dei suoi ospiti;
  10. non potrà tenere a bordo né armi né sostanze stupefacenti neanche per uso personale;
  11. per la sicurezza dei passeggeri e dell’imbarcazione è vietato fumare a bordo;
  12. non potrà dirigere l’imbarcazione in porti-marine o zone che risultino pericolosi in conseguenza di guerre, ostilità, operazioni militari, rivoluzioni e
  13. moti civili;
  14. non potrà dirigere l’imbarcazione fuori degli stretti del Mediterraneo;
  15. sarà tenuto, nel caso di sequestro dell’imbarcazione, dovuto a qualsiasi causa, a versare all’armatore un’indennità obbligatoria contrattuale corrispondente a un importo giornaliero doppio rispetto a quello pattuito per ogni giorno (o parte di esso) fino a quando la riconsegna sarà effettuata, salvo prova di maggiori danni dimostrabili da parte dell’armatore;
  16. sarà tenuto, in caso di confisca per colpa, a rimborsare il valore dell’imbarcazione in base al mercato dell’usato del momento, entro trenta giorni all’armatore.

19) Riconsegna imbarcazione

La barca deve rientrare in porto il venerdì sera alle ore 18,00 previo rifornimento di carburante. Lo sbarco avviene il giorno seguente alle ore 9.00, salvo diversi accordi presi in anticipo con la società armatrice.

20) Mancata riconsegna dell’imbarcazione

Qualora la riconsegna non avvenga nei tempi concordati, il locatario dovrà corrispondere all’armatore una penale quantificata in € 100 (euro cento) per ogni ora di ritardo. Se per una qualsiasi ragione il locatario non potesse riconsegnare l’imbarcazione al porto designato, dovrà a sue spese e rischio, assicurarne il guardianaggio sino al momento del successivo trasferimento al porto in oggetto.

L’imbarcazione verrà considerata “riconsegnata” il giorno e l’ora del suo arrivo nel porto convenuto: gli eventuali giorni di ritardo (e frazioni) saranno come tali conteggiati.

21) Riconsegna anticipata

Qualora il locatario decidesse di concludere la crociera e riconsegnasse l’imbarcazione prima della data designata in questo contratto, l’armatore non sarà tenuto ad alcun rimborso, altresì il locatario dovrà farsi carico delle spese portuali non coperte da contratto.

22) Salvataggio

Ogni e qualsiasi provento per il ritrovamento di relitti o per prestata assistenza e salvataggio, dedotte le competenze spettanti all’equipaggio andrà ripartito in parti uguali tra il locatario e l’armatore.

23) Rinvio alle norme di legge

Per quanto non espressamente stabilito nel presente contratto, si fa riferimento alle norme legislative vigenti in materia.

24) Disdetta

Il presente contratto, in presenza di agenzia di brokeraggio, è valido solo dopo la firma della (società).

La (società) si riserva il diritto di invalidare il presente contratto entro 48 ore successive alla firma dello stesso.

25) Controversie

Ogni e qualsiasi controversia circa l’interpretazione o esecuzione del presente contratto sarà competente il foro di (Città).

Photo Credit

(Photo credit: clicca qui. L’uso anche commerciale dell’immagine di copertina è consentito secondo la licenza Creative Commons che trovi qui. L’originale è stato postato dall’autore qui. Sono state effettuate delle modifiche alle dimensioni e alla risoluzione per adattarla alla pagina.)

Lascia un commento